POLETTO CECILIA

Contacts
E-mail
B27818c39f600aeca088503ab10fb5f1
bring this page
with you
Structure Department of Linguistic and Literary Studies
Telephone 0498274913
Qualification Professore ordinario
Scientific sector L-LIN/01 - GLOTTOLOGY AND LINGUISTICS
University telephone book  Show
 

Notice and additional information
Students of the master in Linguistics who intend to make use of the counceling service for the choice of courses, stage and Erasmus exchanges can use the doodle active at the webpage indicating the office hours.

Office hours
Monday from 09:00 to 10:00 Studio docente Si prega di iscriversi al doodle tramite il link https://doodle.com/poll/nyrek86c3bmi253m
Se non ci sono orari disponibili per una settimana, si intende che il ricevimento è sospeso per impegni della docente
(updated on 27/09/2019 13:01)

Proposals for thesis
Indicazioni per la stesura della tesi in Sintassi formale

Chiedere la tesi:
1. Quando chiedete la tesi, potete avere un problema che vi interessa sulla base del quale formulare il lavoro. Tenete presente che io non seguo tesi di tipo compilativo. Dovete quindi avere un dominio empirico da controllare: ad esempio testi storici, parlato dialettale o standard raccolto attraverso inchieste, piccole indagini sperimentali con i parlanti (anche in acquisizione) oppure dati estratti da banche dati, ecc. Se non avete un problema, possiamo discutere insieme la scelta del lavoro.
2. Chiedete la tesi con congruo anticipo, anche se avete esami da finire e non potete dedicarvici a tempo pieno, tenete conto che per fare una buona tesi vi servono almeno 8 mesi.
Si comincia:
3. Dopo aver scelto il problema da trattare, fate una ricerca bibliografica sia in biblioteca che sul web, ad esempio su academia, research gate, snippets, linguistlist (sia alla sezione libri che a quella conferenze) e sulle pagine web personali degli autori che io vi menziono. Quando avete raccolto alcuni lavori, controllate la bibliografia dei lavori che avete, spesso si trovano indicazioni interessanti su lavori precedenti, cosí siete sicuri di avere quanto piú materiale possibile sul vostro problema.
4. Quando raccogliete la bibliografia, fatene un file unico e mostratemelo prima, di solito vi posso dire cosa conviene leggere e cosa no. NON esiste una regola sul numero di lavori da leggere per una tesi, dipende dal problema che state trattando, dal tipo di campo empirico che scegliete e da quanto é giá stato scritto.
Raccolta dati:
5. Dopo aver letto la bibliografia, o almeno una congrua parte, potete cominciare a construire la vostra ipotesi. Se state facendo una indagine sperimentale o con raccolta sul campo, tenete presente che dovete avere un´ipotesi da testare, senza ipotesi non potete costruire il test. Se invece raccogliete dati su testi storici o su banche dati, anche qui avere una ipotesi, anche se generale aiuta a interpretare i dati e a suddividerli, dovete sapere cosa cercare. Piú la vostra ipotesi é precisa, piú é facile costruire il test.
6. Una volta che avete i dati, sistematizzateli in tabelle excel, o grafici, e comunque codificateli in modo che sia possibile risalire sempre alla fonte precisa. Se costruite un test, segnate sempre a parte le condizioni che avete utilizzato per il test, e osservazioni su come é stato condotto, vi servono per il capitolo in cui presentate i dati (vedi sotto).
Stesura della tesi
7. La tesi deve contenere di regola
a) una breve introduzione in cui si indica perché il problema trattato é un problema interessante e le domande generali di ricerca
b) un capitolo che riprende la letteratura sull´argomento per filoni, mettendo l´accento sul problema che intendete trattare. Questo capitolo non é un semplice riassunto dei lavori che avete letto autore per autore, i lavori vanno riportati sulla base del problema che vi interessa.
c) un capitolo in cui presentate i vostri dati, se sono dati raccolti tramite un´inchiesta sul campo dovete presentare la costruzione del test, i risultati del test pilota, le modifiche effettuate dopo il pilota, la conduzione del test, eventuali osservazioni sull´esclusione di parlanti dalla valutazione o di problemi che sono insorti durante la conduzione del test.
d) un capitolo con i vostri risultati teorici, che riprende i dati, li paragona a quello che e´ stato proposto in letteratura

Curriculum Vitae
See attached file

Lecturer's Curriculum (PDF): B27818C39F600AECA088503AB10FB5F1.pdf

Research areas
My research results have concentrated in the last five year in two domains of Romance linguistics:
Microvariation: the syntax of Italian dialects
1. The first domain concerns Northern Italian dialects, for which I have contributed through publications (see publication list) to better describe and analyze various of their syntactic properties in a microvariation perspective. In my research I have combined a formal syntactic approach with a detailed investigation carried out through field work. While the phonology and morphology of these varieties have been traditionally studied for over a century, syntactic data are much less available to the scientific community through traditional channels like dictionaries, descriptive grammars and atlases. Therefore, I have collaborated with the linguists and engineers of the university of Padua to a big project on the syntax of Italian dialects: I am a member of the ASIt (Syntactic Atlas of Italy), a free online data base containing over 200 Italian dialects with a search engine, which can be consulted at the following website http://asit.maldura.unipd.it/
The project has also an online journal, and I am a member of the editorial board.

At the moment I am working on a monograph entitled “Field work for theoretical approaches”.

2. The other main line of research I have been following concerns the diachronic development of Italian varieties. I have worked over the last five year to the following DFG research projects:
A. „Quantification in Old Italian „ with Prof. Dr.Guido Mensching (Universität Göttingen).
B. „Microvariation of Partitive in Romance" with prof. Elisabeth Stark (University of Zurich) which is also part of an European network funded by the NWO (Research Council The Netherlands) headed by Petra Sleeman (Uiversity of Amsterdam)

Publications
See attached file

Lecturer's Publications (PDF): B27818C39F600AECA088503AB10FB5F1.pdf

List of taught course units in A.Y. 2019/20
Degree course code (?) Degree course track Course unit code Course unit name Credits Year Period Lang. Teacher in charge
LE0598 COMMON LE11104085 9 1st Year (2019/20) First
semester
ITA CECILIA POLETTO
LE0600 COMMON LE11104085 9 2nd Year (2019/20) First
semester
ITA CECILIA POLETTO
IF0314 COMMON SUP9085902 6 1st Year (2019/20) First
semester
ENG CECILIA POLETTO
LE0610 COMMON SUP9085902 6 1st Year (2019/20) First
semester
ENG CECILIA POLETTO
LE0613 COMMON SUP9085902 6 1st Year (2019/20) First
semester
ENG CECILIA POLETTO


Responsibility of other activity for A.Y. 2019/20
Degree course code (?) Degree course track Course unit code Course unit name Credits Year Period Lang. Teacher in charge
LE0610 COMMON LEL1004278 3 2nd Year (2019/20) Annual ITA CECILIA POLETTO