ASOLATI MICHELE

Contacts
E-mail
23ac4bc713db2f72d8cc495bf738515b
bring this page
with you
Structure Department of Cultural Heritage: Archaeology and History of Art, Cinema and Music
Telephone 0498274522
Qualification Professore associato confermato
Scientific sector L-ANT/04 - NUMISMATICS
University telephone book  Show
 

Office hours
Monday from 09:00 to 10:30 Palazzo Liviano, Piazza Capitaniato 7, III piano
(updated on 10/07/2013 09:45)

Curriculum Vitae
Laureato a Padova nel 1993, ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Storia Antica presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” nel 2003. Dal 2005 al novembre 2014 è stato Ricercatore Universitario e dal 1 dicembre 2014 è Professore di II fascia in Numismatica presso l’Università degli Studi di Padova.
Come docente a contratto ha tenuto l’insegnamento di “Numismatica e Medaglistica” presso l’Università degli Studi di Udine durante l’a.a. 2000/2001. Presso l’Università degli Studi di Padova, dal 2002, gli sono stati affidati in tempi e modi diversi gli insegnamenti di "Numismatica", “Numismatica Medievale e Moderna” e "Numismatica Greca e Romana", nell'ambito di corsi di laurea triennali, magistrali e della Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici.
Dal 1993 collabora al Progetto Regionale di Catalogazione Informatica del Patrimonio Numismatico del Veneto, coordinato e diretto da G. Gorini, nel cui ambito ha proceduto anche alla classificazione e alla pubblicazione dell'intero corpus monetale del Museo Archeologico Nazionale di Altino (VE).
Dal 1998 ha impiegato la propria esperienza in Missioni Archeologiche Italiane all’estero, presso Hierapolis di Frigia (Pamukkale - Turchia), Tyana di Cappadocia (Kemerhisar - Turchia), Cyrene (Libia), Loron-Poreč (Parenzo-Istria), Gortyna (Creta), e ora, in collaborazione con Paola Zanovello e in concorso con il Centro Archeologico Italo-Egiziano, ha avviato una Missione Archeologica in Egitto, presso il sito di Kom al-Ahmer (Delta occidentale del Nilo), con il riconoscimento del Ministero per gli Affari Esteri italiano.
I suoi campi d’interesse e di approfondimento scientifico riguardano il collezionismo numismatico, particolarmente veneziano di XVII-XIX secolo, i ritrovamenti monetali di età greca e romana di area adriatica e in Africa settentrionale, la monetazione romana tardo antica e, specialmente, la tesaurizzazione della moneta in bronzo del V-VI secolo d.C.
I suoi studi lo hanno condotto a coordinare e a partecipare a progetti di ricerca PRIN e PRAT, a pubblicare numerosi saggi e monografie in sedi italiane e straniere, a prendere parte a convegni e ad iniziative espositive di respiro nazionale ed internazionale (es. “Lo Statuario pubblico della Serenissima. Due secoli di collezionismo di antichità. 1596-1797”, Venezia 1997; “Patriarchi. Il pastorale e la spada”, Cividale del Friuli 2000; “Alle radici dell’Euro. Quando la moneta fa la storia”, Padova 2002; “Venezia! Kunst aus venezianischen Palästen Sammlungsgeschichte Venedigs vom 13. bis 19. Jahrhundert“, Bonn 2003; “Venezia e l’Egitto”, Venezia 2011).

Research areas
RITROVAMENTI MONETALI DI ETÀ ANTICA E MEDIEVALE IN ITALIA
Una delle linee di ricerca maggiormente perseguite da parte della Cattedra di Numismatica dell’Università di Padova riguarda il censimento e l’analisi dei rinvenimenti monetali di età antica in Italia, indagine che in anni recenti si è allargata anche a quelli di età medievale. Tale studio concepisce la moneta una fonte storica primaria imprescindibile la quale spesso offre rappresentazioni uniche, dando la percezione di eventi e trasformazioni che altrimenti sfuggirebbero alla nostra conoscenza. Entro tale filone si è sviluppato dal 1992 il progetto editoriale Ritrovamenti Monetali di età Romana nel Veneto (RMRVe), tuttora in corso. Inoltre sono stati sviluppati progetti su I ritrovamenti monetali come strumento di conoscenza e di verifica dei fenomeni di rafforzamento e rivalutazione della moneta antica e medievale; I ritrovamenti monetali inseriti nel contesto archeologico: una chiave interpretativa dei fenomeni economici; La moneta di bronzo romana tardo antica: composizione metallica, circolazione, strutture economiche per una ricerca interdisciplinare.

LA MONETA NEI CONTESTI ARCHEOLOGICI
La moneta rappresenta un indispensabile supporto allo studio dell’archeologia sotto molteplici punti di vista. L’Università di Padova dagli anni ’70 del secolo trascorso ha avviato in questo specifico campo ricerche che permettano di definire il corretto rapporto tra numismatica e archeologia, e soprattutto su aspetti come quello del riuso della moneta romana in contesti più tardi oppure dei ritrovamenti monetali in rapporto a particolari fenomeni economici, come la “Legge di Gresham”. Entro tale filone sono stati sviluppati progetti su Moneta e culto nel mondo antico tra romanizzazione ed età imperiale riferibili a esperienze italiane ed estere (es. Turchia, Cirenaica); su Moneta e scavo nel Montefeltro (Progetto Montefeltro) in collaborazione con l’Insegnamento di Archeologia Medievale dell’Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo” e con particolare interesse sul Castello di Montecopiolo indagato archeologicamente dal 2002; su Emissione, circolazione e tesaurizzazione della moneta a Cirene dagli scavi della Missione Archeologica Italiana di Urbino con particolare interesse rivolto agli scavi della Missione Archeologica Italiana dell’Università di Urbino presso il quartiere dell’Agorà e presso il santuario di Demetra a Cirene.

LA MONETA NELLA TRADIZIONE ANTIQUARIA
Lo studio del collezionismo numismatico e dei fenomeni culturali a esso connessi caratterizza l’attività di ricerca numismatica dell’Università di Padova con la duplice finalità di definirne il ruolo nell’ambito degli interessi antiquari europei tra XV e XIX secolo e di ricostruire la circolazione monetaria antica e medioevale anche grazie all’analisi di materiali d’archivio ricchissimi di informazioni su ritrovamenti monetali effettuati nel passato. Un particolare interesse è riservato ai collezionisti veneziani dai cui scritti si ricostruisce la fitta trama di relazioni che li univa a studiosi, collezionisti e mercanti italiani ed europei. Nell’ambito di questo filone si è recentemente sviluppato il progetto, in collaborazione con le Università di Liverpool e di Liegi, di edizione dei diari di Antoine Galland (1646-1715), rinomato soprattutto per avere tradotto e fatto conoscere in Occidente Le mille e una notte, ma d’altro canto anche valente e appassionato studioso di antichità e particolarmente di monete antiche.

Publications
Alcune pubblicazioni degli ultimi anni (https://unipd.academia.edu/MicheleAsolati):
–, Il tesoro di Falerii Novi. Nuovi contributi sulla monetazione italica in bronzo degli anni di Ricimero (457-472 d.C.), con una appendice di L. ALLEGRETTA, Padova 2005
–, Il ripostiglio di Camporegio (Grosseto). Note sulle imitazioni bronzee di V sec. d.C. e sulla questione della cosiddetta “moneta in rame nell’Italia longobarda”, “Rivista Italiana di Numismatica”, CVII (2006), pp. 113-161.
–, La tesaurizzazione della moneta in bronzo in Italia nel V secolo d.C.: un esempio di inibizione della legge di Gresham?, in I ritrovamenti monetali e la legge di Gresham. Atti del III Congresso Internazionale di Numismatica e Storia Monetaria, Padova 28-29 ottobre 2005, Padova 2006, pp. 103-127
M. ASOLATI, I. CALLIARI, A. CONVENTI, C. CRISAFULLI, Le emissioni provinciali di Traiano per la Cirenaica: nuove evidenze dalle indagini archeometriche e dall’analisi dei coni, “Rivista Italiana di Numismatica”, CX (2009), pp. 317-364
–, Cirene tardo antica e bizantina: un approccio numismatico, in Cirene nell’antichità, a cura di M. Luni, Roma 2010, pp. 305-315
–, note numismatiche in Le Journal d’Antoine Galland (1646-1715). La période parisienne, I, 1708-1709 ; II, 1710-1711; III, 1712-1713 ; IV, 1714-1715, a cura di et F. Bauden R. Waller, R. Veymiers, M. Asolati, A. Chraïbi, É. Famerie, Leuven-Paris-Walpole, 2011-2015 (A.P.H.A.O., Mémoires, 6, 8-10)
M. ASOLATI, G. SALEMI, Caratterizzazione di nummi di V sec. d.C. tramite rilievo tridimensionale: uno strumento per la ricerca numismatica, “Rivista Italiana di Numismatica”, CXII, 2011, pp. 199-210
–, Nummi Aenei Cyrenaici. Struttura e cronologia della monetazione bronzea cirenaica di età greca e romana (325 a.C.-180 d.C.), Roma 2011
–, L’eccezione egiziana: monete provinciali di zecca alessandrina nella circolazione cirenaica, “Rivista Italiana di Numismatica”, CXIII (2012), pp. 247-264
–, Praestantia nummorum. Temi e note di numismatica tardo antica e alto medievale, Padova 2012
–, Questioni di fiduciarietà: la tesaurizzazione del nummo e le riforme monetarie del bronzo da Anastasio a Giustiniano I, in I ritrovamenti monetali e i processi storico-economici nel mondo antico, a cura di M. Asolati, G. Gorini, Padova 2012, pp. 283-325
M. ASOLATI, A. CONVENTI, C. CRISAFULLI, E. FARESIN, G. SALEMI, Il medaglione di Adriano con il ponte Elio tra restauro antiquario e recupero virtuale, “Annali dell’Istituto Italiano di Numismatica”, 59, 2013 (pubbl. 2014), pp. 183-213
–, Di uso in uso: note sull’impiego post-antico della moneta enea antica, “Annali dell’Istituto Italiano di Numismatica”, 60 (2014, pubbl. settembre 2015), pp. 105–134
–, Trasparenze ponderali: contrappesi monetali di vetro nell’Anatolia bizantina, “European Journal of Post - Classical Archaeologies”, 6 (2016), pp. 163-188

Lecturer's Publications (PDF): 23AC4BC713DB2F72D8CC495BF738515B.pdf

List of taught course units in A.Y. 2018/19
Degree course code (?) Degree course track Course unit code Course unit name Credits Year Period Lang. Teacher in charge
LE0601 COMMON SUP4069239 3 1st Year Annual ITA MICHELE ASOLATI
LE0601 COMMON LE07106268 6 3rd Year Second
semester
ITA MICHELE ASOLATI
LE0616 COMMON LE04106272 6 1st Year Second
semester
ITA MICHELE ASOLATI


Responsibility of other activity for A.Y. 2018/19
Degree course code (?) Degree course track Course unit code Course unit name Credits Year Period Lang. Teacher in charge
LE0601 COMMON SUP5074239 3 3rd Year Annual ITA MICHELE ASOLATI
LE0601 COMMON SUP5074239 3 1st Year Annual ITA MICHELE ASOLATI